L’emergenza climatica e le negazioni

12 Dicembre 2019

Il Consiglio comunale di Mendrisio ha approvato nella sua seduta di lunedì la risoluzione sulla crisi climatica, presenti spiritualmente i giovani dello sciopero per il clima. Alcune note provenienti dal gruppo della Lega e Udc sono preoccupanti, e vorrei invitare le amiche e gli amici di tali gruppi a riflettere su una questione importante in merito all’urgenza che riguarda i cambiamenti climatici, che alcuni di loro vedono come il vaneggiamento di una “nuova religione”. “Non può essere vero!” : espressioni come questa rappresentano spesso uno dei primi pensieri che ci vengono alla mente quando apprendiamo una brutta notizia. Di fronte ad una realtà che ci appare eccedente le nostre capacità di elaborazione e adattamento, possiamo occasionalmente ricorrere a un meccanismo di difesa che in psicologia si definisce “negazione”. La negazione, o diniego, è un meccanismo arcaico, presente cioè fin dalla primissima infanzia, e ben riflette quello che è il pensiero magico dei bambini: disconoscere una realtà sgradita, equivale ad eliminarla. I meccanismi di difesa sono aspetti psicologici inconsci che moderano il conflitto e di conseguenza l’angoscia. Le difese sono evolutivamente indispensabili, e hanno molte funzioni positive, in particolare operano per proteggere il Sé da una minaccia. La persona che le utilizza cerca inconsciamente di evitare o gestire l’angoscia e di mantenere la propria autostima. Purtroppo, care e cari amici, quello del surriscaldamento climatico dovuto dalle attività umane non è una diceria o una “religione”, bensì una inquietante realtà sulla quale però, se agiamo tutti subito e con convinzione, possiamo forse ancora porre un rimedio. Certo, non sarà Mendrisio a fare la differenza. Ma rimandare al grande mondo fuori dai nostri confini o agli “invasori frontalieri” la palla del problema non ci porterà lontano…nelle situazioni di crisi, ognuno di noi è chiamato a fare ciò che è nella nostre capacità, sul piano individuale e anche su quello politico: Comuni, Cantone e Confederazione. Ciò che avviene altrove ci comprende e ci riguarda, ma abbiamo la responsabilità di agire nel nostro piccolo per poter avere un influsso in una dimensione ben più ampia. E’ stato perfino detto che oggi si vive più a lungo che in passato, e che ciò dimostrerebbe la futilità del tema: questo secondo me è un argomento molto pericoloso, perché sottace tutti quelli che non ce la fanno…i bambini con bronchite cronica, le persone più sensibili, i malati, gli anziani.

La situazione è grave: non si tratta di aver ragione, o tantomeno di fare campagna elettorale (un termine che mi è sempre stato ostico): si tratta di remare tutti nella stessa direzione, con convinzione e un po’ di speranza, senza la quale non si va da nessuna parte. La destra con la sinistra, un passo alla volta, cercando un’armonia che al momento è carente nel dibattito politico. Lo dobbiamo a noi stessi e ai giovani che ci osservano e che erediteranno da noi la terra che ci ospita.

Si dichiari lo stato di emergenza climatica in Ticino

27 Maggio 2019

I cambiamenti climatici non sono una moda, come dichiarato dal massimo esponente UDC Christoph Blocher. Il gruppo dei Verdi del Ticino ed alcuni esponenti di altri movimenti e partiti, hanno inoltrato oggi una mozione per chiedere lo stato di emergenza climatica anche in Ticino. Si chiede nello specifico che anche il nostro cantone si approcci al problema con lungimiranza e tempestività sottoponendo ogni decisione presa in parlamento e in governo a criteri di sostenibilità ecologica minimizzando finalmente il anche nostro impatto sull’ambiente.

Le conseguenze di questo fenomeno di comprovata origine antropogenica si cominciano a vivere intensamente anche alle nostre latitudini. Forti sbalzi di temperatura, siccità, ondate di caldo, fenomeni climatici estremi sono i principali campanelli d’allarme che concretizzano sotto i nostri occhi i proclami di scienziati e attivisti. Le conseguenze nel settore agricolo indigeno, e conseguentemente sull’approvvigionamento alimentare, sono già ingenti e fonte di preoccupazione. Ecosistemi, biodiversità e vita sono a forte rischio.

Non solo. Anche il presidente degli Stati Uniti Barack Obama, a suo tempo, aveva considerato il problema del surriscaldamento climatico come d’importanza di sicurezza nazionale. la Banca Mondiale stima infatti che nei prossimi 30 anni il numero dei rifugiati climatici aumenterà a oltre 140 milioni. Una zona privilegiata come la nostra deve, non solo contribuire ad arginare il fenomeno dei cambiamenti climatici, ma anche valutare con tempestività le conseguenze per poter cominciare ad elaborare soluzioni che non ci facciano cogliere impreparati.

Il Ticino, facente parte del pianeta terra, non può sottrarsi agli avvenimenti che contraddistingueranno i prossimi decenni. Oggi può decidere se approcciarsi con innovazione portando del valore aggiunto alla sfida del secolo ed essere parte nella soluzione o se subirne passivamente gli effetti continuando ad alimentare il problema.

SCARICA LA MOZIONE: 23.05.2019_emergenza_climatica

Una rivoluzione ci salverà

14 Settembre 2015

imagesEsiste a livello planetario un’emergenza prioritaria che passa troppo spesso in secondo piano nella discussione politica, ovvero l’emergenza climatica. Secondo dati certi riassunti dalla Banca mondiale già nel 2012, un riscaldamento di 4 gradi Celsius è “incompatibile con ogni ragionevole descrizione di una comunità globale organizzata, equa e civilizzata”…e questo a fronte dell’evidenza che ormai l’obiettivo di un contenimento di due gradi del surriscaldamento climatico pare ormai a livello mondiale un’utopia. “E’ triste che la natura parla e il genere umano non l’ascolta” scriveva già nel 1840 Victor Hugo…Ora, la situazione si è fatta non più locale, ma globale, e la Svizzera ha l’opportunità di giocare un ruolo nel conseguimento di una politica responsabile verso il Pianeta, e dunque verso il genere umano, attraverso l’esempio di una seria politica energetica e una strategia politica impiantata all’abbandono definitivo di quel sistema distruttivo che chiamiamo capitalismo liberista che ci sta portando verso il disastro ambientale. Gli errori fatti non si possono cancellare, ma dobbiamo aprire le menti verso un movimento climatico di lotta al libero scambio e di produzione locale. Molte persone ormai, in tutta la Svizzera come nel resto del mondo, stanno tentando di cambiare la loro vita quotidiana in modo da tagliare i consumi. Ma perché questa presa di coscienza possa sortire degli effetti significativi, non possiamo lasciare alle singole decisioni sugli stili di vita a quei cittadini coscienziosi che amano indossare abiti riciclati con creatività e andare a fare la spesa dai coltivatori diretti nei mercatini. Abbiamo bisogno di politiche esaustive che rendano facili e convenienti per tutti le scelte a basso profilo carbonico, in modo equo su tutte le fasce di popolazione. In termini concreti: trasporti pubblici a basso costo, alloggi a prezzi contenuti ad alta efficienza energetica costruiti lungo linee di transito, con possibilità di co-housing (vita comunitaria, anziani e giovani insieme,…) in quartieri ecologici, con verde pubblico e negozi di quartiere. Piste ciclabili su cui non si debba rischiare la vita per recarsi al lavoro. Una gestione del territorio che scoraggi l’espansione incontrollata e sostenga le forme di agricoltura locali a ridotto consumo energetico. Piani urbanistici che raggruppino i servizi essenziali come scuole e ospedali lungo le vie di transito e con una preferenza ai pedoni. Programmi che richiedano alle aziende di farsi carico dello smaltimento dei loro prodotti elettronici, e di ridurre le ridondanze di componenti e il fenomeno dell’obsolescenza programmata. Una rivoluzione ci salverà, e i cambiamenti che siamo chiamati a mettere in campo non sono catastrofici, bensì entusiasmanti.

 

    Cerca nel sito
    Archivio