Interrogazione Argor: cosa esce da quei comignoli?

3 Giugno 2014

argorStimato Sindaco, onorevoli Municipali,

diversi cittadini segnalano di osservare con preoccupazione da diverse settimane dal comignolo della ditta Argor, soprattutto al mattino, una fuoriuscita di fumo bianco molto denso (cfr. fotografia allegata).

Si pone la domanda se si tratti di vapore acqueo o di che altro, domanda alla quale l’Ufficio tecnico, interpellato, non ha potuto fornire una risposta.

Chiedo quindi al lodevole Municipio di essere informati con la seguente domanda:

  • A cosa corrisponde il fumo bianco che fuoriesce dallo stabilimento Argor?

Porgo i più cordiali saluti a nome dei Verdi,

Claudia Crivelli Barella

L’intervento dei Verdi in Consiglio Comunale sul moltiplicatore

27 Maggio 2014

winter is comingEcco qua perché ieri sera abbiamo votato contro l’aumento del moltiplicatore a Mendrisio. L’intervento è di Andrea Stephani. La foto si riferisce alla citazione contenuta nell’esposizione orale di Andrea che ha affermato: “L’inverno sta arrivando…” Gli amanti di “Trono di Spade”  sono avvisati! Buona lettura, Claudia.

“Egregi presidente del CC, sindaco e municipali, care colleghe e stimati colleghi,

di principio, i Verdi non sono contrari all’aumento del moltiplicatore comunale. Apprezzando lo sforzo fatto dal Municipio per evitare licenziamenti e tagli ai sussidi destinati alle fasce più deboli della popolazione, vorremmo però condividere con tutti voi alcune riflessioni critiche.

Innanzitutto, per quanto riguarda l’emendamento proposto nel rapporto di minoranza, le motivazioni addotte dai commissari PLR e Lega-UDC non sono riuscite a dissipare i nostri dubbi sull’efficacia e sulla reale necessità di questo aumento contenuto. A noi, che di alberi ce ne intendiamo, è sembrata la classica foglia di fico.

Come detto in precedenza e al fine di sostenere i progetti che ci stanno a cuore (come il Parco di Villa Argentina ed il comparto Valera), come Verdi saremmo addirittura disposti a portare il moltiplicatore al 77%. Siamo inoltre favorevoli all’introduzione di una tassa sul sacco, secondo il sacrosanto principio della proporzionalità: chi inquina, paga.

Tuttavia, ripensando alle scelte “strategiche” portate avanti dal Municipio negli ultimi anni, non crediamo che il peggioramento finanziario delle casse comunali debba venire addebitato unicamente all’aumento degli aggravi cantonali, bensì anche alla priorità data dall’Esecutivo ad alcuni progetti ai quali ci siamo sempre opposti e che si stanno rivelando ancor più onerosi di quanto preventivato. Uno su tutti: il megalitico Centro di Pronto Intervento firmato dall’archistar Mario Botta. In quest’ottica, a nostro avviso, la responsabilità di aumentare il moltiplicatore grava sulle spalle di coloro che hanno condiviso queste scelte e non s quelle di coloro che queste scelte le hanno sempre contestate.

Secondariamente, le varianti commissionate dal Municipio per Villa Argentina e per Valera in questo primo anno di legislatura non tengono minimamente in considerazione le desiderata di una grossa fetta della cittadinanza che, sottoscrivendo le due rispettive petizioni, chiedeva tutt’altra destinazione per entrambi i comparti. Di conseguenza, dal nostro punto di vista, il sacrificio (seppur modesto) richiesto al cittadino-contribuente non è bilanciato da una sufficiente attenzione nei confronti della voce del cittadino-proponente. Insomma munti come mucche e poi lasciati a muggire da soli nelle stalle.

In ultima analisi, vorremmo far notare che, nonostante i conti del comune siano in rosso, la situazione non è allarmante (soprattutto se paragonata a quella di comuni vicini come Chiasso) e che i margini di risparmio sono ancora molti. Tra questi, ribadiamo ancora una volta la necessità di ridimensionare le prossime tappe del CPI e di rinunciare a ciò di cui la popolazione non ha bisogno, l’Ufficio di promovimento economico, e a ciò di cui non avverte alcuna necessità, il Centro Giovani, punta dell’iceberg di una politica giovanile fallimentare, il cui unico risultato è rappresentato dai botellon del giovedì sera.

A fronte di tutte queste considerazioni, il gruppo dei Verdi boccerà sia l’emendamento proposto dal rapporto di minoranza, sia il messaggio municipale.

Andrea Stephani”

Fuga dalla devastazione del piano?

5 Maggio 2014

yoga 4Davanti al cantiere del Centro di pronto intervento di Mendrisio (sigh), in mezzo al traffico di un pomeriggio qualsiasi in cui mi recavo alla stazione tra inquinamento e rumore, ho visto un cartellone pubblicitario che reclamizzava Cevio come località ideale per vivere, con l’immagine di una famiglia con due bambini seduta in un idilliaco prato. Ho pensato: ah… che bello essere lì, chi me lo fa fare di abitare ancora a Mendrisio? Ho rivisto il cartellone in stazione a Lugano, e poi ho letto le dichiarazioni della direttrice dell’ente del turismo del mendrisiotto che si rallegrava per le distanze nel nostro Cantone raccorciate dalla possibilità di movimento, in cui un turista ha la possibilità di assistere al Festival di Locarno e il giorno seguente recarsi in Val di Muggio per un’escursione, o un residente può abitare a Cevio e lavorare a Lugano. Questa visione apparentemente ottimistica è esattamente ciò che ha creato la devastazione della pianura, aggredita da un’edificazione selvaggia e assediata quotidianamente dal traffico.

Già, perché ben pochi tra turisti e residenti hanno la possibilità di muoversi con i mezzi pubblici, e il loro ameno girovagare si traduce con inquinamento e malattie per chi risiede sul piano. Vedo il rischio concreto di un Cantone a due velocità: il piano oramai compromesso, insanabile, da sacrificare. E le montagne da distruggere poco a poco, fino a quando neppure Cevio sarà più un paradiso di aria pura e quiete. Io non me ne voglio andare da Mendrisio, che è la mia città e che amo nei suoi angoli ancora conservati: non voglio essere costretta a fare l’esule, a prendere armi e bagagli e a scappare come già fanno alcuni. E non voglio trascorrere la giornata in automobile scegliendo di vivere sui monti: voglio vivere bene nel piano come sulle montagne, spostarmi in treno e con i mezzi pubblici quanto più possibile, e anche restare la domenica nella mia Mendrisio, un poco meno trafficata, lontana delle colonne di chi sceglie di vivere come le cavallette. Per questo ci battiamo per il parco di Villa argentina, per Valera e contro le discariche; per questo non vogliamo il raddoppio del Gottardo che porterebbe nel Mendrisiotto ulteriori veicoli che si aggiungerebbero a quelli che già intasano le nostre strade.

Intervento in Consiglio Comunale sul Preventivo 2014

2 Aprile 2014

Claudia Crivelli Barella, I Verdi di MendrisioEcco qua il mio intervento al Consiglio Comunale di lunedì 31 marzo dove il Gruppo dei Verdi ha votato CONTRO il preventivo 2014 della Città.

 

“Ringraziamo i relatori Giovanni Poloni e Grazia Bianchi, che nei loro rapporti evidenziano molti temi che rispecchiano le preoccupazioni che i Verdi rilevano da diversi anni. E’ possibile commentare un preventivo senza in sostanza parlare di cifre? Soprattutto il rapporto socialista lo evidenzia e lo dimostra in modo lampante: sì, è possibile, e da parte dei consiglieri comunali anche doveroso. Ci limitiamo a ribadire come negli ultimi anni il vivere a Mendrisio, la nostra città, si sia fatto più difficile, meno salubre, se vogliamo richiamare la categoria estetica, che coinvolge il paesaggio, la qualità della viabilità e del verde, più innegabilmente BRUTTO. Il nostro paese è stato rovinato dai patti: il “patto di paese” con il Fox town, che speriamo venga finalmente sanato, tornando ad una situazione di legalità, con una chiusura domenicale che rispetti i precetti non solo della Chiesa, ma anche del buon vivere; e poi i “patti con i quartieri” che molto hanno portato a pochi, senza pensare al bene dei molti.

Proponiamo tre misure drastiche e concrete per dei risparmi: primo, tagliare l’ufficio del promovimento economico, il cui ruolo risulta ormai obsoleto, semmai sia stato di qualche utilità. La città ha semmai bisogno di un ufficio di promovimento ecologico, ma per questo contiamo sul rinnovamento delle cariche tra due anni.

La “porta della città” o centro di pronto intervento è un altro assurdo che il rapporto di Grazia Bianchi ben evidenzia, e ribadiamo che la seconda fase debba essere fermata prima che altri milioni siano sperperati per un’opera faraonica che toglie risorse per investimenti più semplici, concreti, alla portata di tutti. Già si parla di lasciare i veicoli dell’UTC nei vari quartieri, per risparmiare tempo e denaro, e dimostrando come la concentrazione di tutte le forze in un unico punto si riveli un pensiero fallace.

I milioni spesi per questo progetto ci lasceranno tra venti, massimo quarant’anni, un rudere, mentre  pochi milioni che voteremo per acquisire il Parco di Villa argentina resteranno alla Città per sempre: è tempo di pianificare degli interventi veramente a favore della popolazione, che siano utili per il vivere comune, sano e piacevole di una popolazione. Altrimenti, tanto vale lasciare la città in mano agli sprayer, che sanno portare colore e bellezza meglio di tanti architetti.

Un terzo risparmio che auspichiamo è quello di chiudere e vendere lo stabile del Centro giovani: gli anni di esperienza non hanno dato i risultati sperati, dando ragione a quanto andavamo dicendo anni fa quando eravamo avversi anche a questo investimento milionario in una visione di grandeur che ha caratterizzato le scelte del Municipio per troppi anni: i dati che ci ha fornito l’onorevole Comi venerdì purtroppo confermano l’utilizzo molto ridotto aldilà dei giorni di concerti o feste, che si potrebbero organizzare nei quartieri, per non diventare borgo-centrici. Il centro è frequentato giornalmente da 4-5 ragazzi… praticamente, ce ne sono di più a casa mia, con gli amici delle mie tre figlie, e nelle case di molti momò: non si giustifica un investimento di questa portata! Per i giovani, invece di un ghetto, pensiamo piuttosto alla creazione di un centro intergenerazionale e culturale.

Coerentemente, i Verdi ribadiscono il loro ruolo di opposizione, lanciano queste tre misure di risparmio, e votano no a questo preventivo.”

Claudia Crivelli Barella, 31 marzo 2014

Modifichiamo il Centro di Pronto intervento in corso d’opera?

23 Luglio 2013

Prima di rispondere, sgombriamo la mente dai luoghi comuni, dalle risposte automatiche, da tutti i “non si può fare” in grado di bloccare qualsiasi buona idea. E’ vero: pochi mesi fa, nubi molto cupe sulle finanze comunali già ben visibili all’orizzonte, il Consiglio comunale ha votato (due Verdi contrari) un credito di venticinque milioni per la realizzazione del Centro di Pronto intervento e 780.000 franchi per la progettazione della muova fase. Ora, la decisione non è piaciuta a molti, compresi diversi che hanno votato il credito turandosi il naso, per vari motivi. In paese si dicono molte cose: il Centro è sovradimensionato, l’ultimo piano del tutto inutile, la palestra eccessiva, eccetera. Insomma: dei risparmi, e risparmi non di poca entità, si potrebbero fare. Si potrebbero fare, a patto di non farsi bloccare dai “non si può, il credito è ormai stato votato”. I ricorsi fioccano, e bloccano i lavori: nulla capita per caso nella vita, e forse sarebbe saggio fermarsi e rivedere decisioni prese improvvidamente, sull’onda del “siamo una Grande Città, dimostriamolo con una bella cementificazione faraonica!”.

Anche l’illustre architetto Mario Botta, sulle colonne della NZZ, ha riflettuto sull’eccessiva costruzione nelle nostre città, ad opera degli architetti ticinesi non tenuti a briglia dai politici, che da decenni non progettano parchi e viali alberati, ma soltanto costruzioni che mal si conciliano con il vivere bene di un paese. E che un progetto sia modificabile in corso d’opera l’abbiamo potuto vedere anche molto recentemente, nell’autosilo dietro il Municipio, che è ben diverso dal progetto originario (in eccesso, in questo caso, però!). Dunque, fermiamoci un istante, magari in occasione dei festeggiamenti della nostra Patria, e iniziamo in modo concreto e positivo quei risparmi necessari al buon vivere della nostra Mendrisio. Buon Primo d’agosto, in alto i cuori!

    Cerca nel sito
    Archivio