IL 5 GIUGNO VOTA SÌ meno traffico e inquinamento per una migliore qualità di vita

29 Maggio 2016

unnamedBuongiorno, il voto del 5 giugno si avvicina velocemente. Il momento di agire è ora! La tassa di collegamento è una misura che fa parte di una strategia voluta per incentivare la mobilità aziendale sostenibile (car pooling, uso dei mezzi pubblici). La sua efficacia è già stata dimostrata dalle recenti affermazioni di Silvio Tarchini (GdP, 25 maggio 2016), il quale ha detto che da quando regola i posteggi al FoxTown (dal 2014), il numero di dipendenti che fanno car pooling è aumentato dal 20% al 68% nel giro di un solo anno, e i dipendenti che usano i mezzi di trasporto pubblico dal 4% al 7,5%! 

Per far seguire questo esempio anche presso gli altri 193 grandi generatori di traffico è importante votare SÌ il prossimo 5 giugno. Ricordiamo che i proventi della tassa sonovincolati al 100% per legge al finanziamento dei trasporti pubblici. Per potenziare i collegamenti, da qui il nome della tassa, è quindi importante accettare questa proposta. 

Questa misura non è la soluzione a tutti i problemi, ma certamente un primo passo nella giusta direzione. Ai grandi generatori di traffico è chiesto di contribuire per il traffico che generano. Sia che la tassa verrà riversata sui dipendenti o meno, ci sarà un incentivo per ridurre il numero di posteggi e quindi di conseguenze anche il traffico e l’inquinamento. 

GRAZIE PER VOTARE SÌ! SOSTENGONO LA TASSA:

Cittadini per il Territorio, WWF, ATA, SEV, ACSI, ALRA, Greenpeace, ProNatura, ASTUTI, ASPAN, Medici per l’ambiente, SOS Mendrisiotto Ambiente, UTPT, CAT, ASIAT, ATRA, ATS SwissEngineering, CSEA, FAS, FSU, OTIA, SIA, il Gran Consiglio, il Governo Ticinese, il Partito Socialista, i Verdi del Ticino, la Lega dei Ticinesi

Interrogazione: una bibliocabina per Mendrisio

19 Maggio 2016

bibliocabina castel san pietroStimato Sindaco, onorevoli Municipali,

Mendrisio è una città slow attenta alle questioni inerenti al riciclo e alle buone abitudini legate allo scambio, che promuove attraverso l’ecocentro e con diverse manifestazioni di piazza e nelle vie del nucleo quali la fiera del riciclaggio, il mercatino dell’usato, eccetera.

Da qualche tempo, diversi comuni, tra cui Bellinzona e Castel San Pietro ( cfr. allegata foto) si sono dotate di una bibliocabina per lo scambio di libri usati, riutilizzando in modo creativo e utile cabine telefoniche oramai dismesse.

La proposta riscuote interesse nella popolazione, per tale motivo chiediamo:

Esiste sul territorio del Comune di Mendrisio una cabina telefonica in disuso che potrebbe essere trasformata in bibliocabina, o eventualmente potrebbe venirne posata una?

Ringraziandovi per l’attenzione, siamo lieti di augurarvi un buon quadriennio,

Claudia Crivelli Barella per il gruppo dei Verdi

E’ possibile un reddito di base per tutti?

13 Maggio 2016

iniziativaRiprendo dal sito di teleticino l’articolo di presentazione e la trasmissione a cui ho partecipato mercoledì 11 maggio sul reddito di base.

Il link alla trasmissione video.

Ospiti di Alfonso Tuor alle 20.45: Claudia Crivelli Barella, Pierluigi Zanchi, Alex Farinelli e Sergio Morisoli

“E’ possibile un reddito di base per tutti?” è il titolo de “I conti in tasca” che andrà in onda mercoledì 11 maggio alle ore 20:45 su TeleTicino.

Il prossimo 5 giugno si voterà sull’iniziativa che propone un reddito di base incondizionato di 2’500 franchi al mese per ogni residente in Svizzera e 625 franchi per bambini e giovani. Questa proposta comporta un cambiamento radicale del modo di funzionare delle nostre economie e del nostro Stato sociale e propugna di fatto un nuovo modello di società. Di fatto separerebbe il conseguimento di un reddito dal lavoro e – come sostengono i promotori dell’iniziativa – permetterebbe ad ogni individuo il perseguimento dei suoi obiettivi di vita. Gli interrogativi, che solleva questa proposta, sono numerosi: quali conseguenze avrebbe sul mercato del lavoro e sul funzionamento dell’economia, anche perché questo reddito di base verrebbe versato anche a coloro che continuano a lavorare? Come si finanzierebbe questa operazione che costerebbe più di 200 miliardi di franchi? Quale sarebbe il futuro delle nostre istituzioni sociali, come AVS, Invalidità, Assicurazione contro la disoccupazione, ecc.?

Di questi temi discuteranno Claudia Crivelli Barella deputata dei Verdi e Pierluigi Zanchi favorevoli a questa proposta e Alex Farinelli deputato PLRT e Sergio Morisoli deputato Area Liberale, contrari.

Il link alla trasmissione video.

I Verdi e la tassa di collegamento

12 Maggio 2016

images (1)Martedì 10 maggio ho partecipato alla conferenza stampa a sostegno della tassa di collegamento. Qua trovate un articolo di tio sull’evento (con delle belle foto). Il mio intervento. 

Mai come oggi tutti noi, compresi gli oppositori alla tassa di collegamento, ci rendiamo conto che la mobilità su gomma comporta innumerevoli svantaggi che, se non affrontati con determinazione, ci obbligheranno ad adottare ben più drastiche soluzioni che non una tassa irrisoria sui posteggi.

L’utilizzo del territorio. La mobilità su strada necessita di uno spazio che, per rapporto all’esigua superficie utile del nostro Cantone (10% del territorio) è già troppo.  Si pensi che lo spazio destinato all’agricoltura è meno del 4% mentre quello destinato al traffico è pari a circa il 2% ed è in aumento. Ma non ci sono solo le strade e autostrade. Ci sono anche i parcheggi. La mobilità individuale su gomma inizia e si conclude in un parcheggio. In Ticino il numero di parcheggi solo nei centri commerciali è di 14’000 stalli di 25 mq l’uno per una superficie occupata di 350’000 mq., pari a 35 campi di calcio. Di questi 2400 sono a St. Antonino per una superficie occupata di 60’000 mq, superficie sottratta tra l’altro alle attività agricole e di svago del Piano di Magadino.

La politica del futuro dovrà ottimizzare al massimo gli spazi già cementificati destinati al traffico ed ai posteggi. Il territorio non è un bene infinito e rinnovabile!

La spesa pubblica. La mobilità su gomma costa, non solo in investimenti (abbiamo e continuiamo a spendere milioni e milioni per costruire nuove strade e svincoli e per allargare le strade esistenti) ma anche in spese di manutenzione. In Ticino la spesa pubblica per la conservazione e gestione delle strade, senza contare il costo del personale impiegato, ammonta a 65 milioni all’anno (netti).

E’ pacifico che più il traffico aumenta più il manto stradale si degrada e più aumenta la spesa pubblica.

La spesa per il trasporto pubblico ammonta invece a 59 milioni all’anno.

Quali delle due poste di spesa è più sostenibile e di minore impatto sulle finanze cantonali, e quali delle sue spese è di maggiore impatto sulla qualità di vita? La risposta mi sembra ovvia.

E’ innegabile che prima o poi, visto lo stato delle finanze cantonali, dovremo scegliere a quale spesa dare priorità. Altrettanto pacifico è che non potremo avere sempre le strade al top. Quindi meglio ridurre da subito il traffico limitando la spesa di manutenzione delle strade.

I costi esterni al traffico (costi sanitari, danni all’ecosistema, agli edifici, all’agricoltura ecc). In Ticino i costi esterni al traffico sono nettamente superiori alla media svizzera. I costi per abitante ammontano a 1854 franchi a fronte di un importo di 1491 franchi di media in svizzera. Il 70% circa dei costi esterni al traffico sono prodotti da quello stradale. Il 60% è imputabile agli autoveicoli. I costi sanitari dovuti alle soli polveri fini PM 10, sono pari a 60 milioni di franchi all’anno, circa 400 franchi per abitante (dati 2008).

Traffico. Il Cantone Ticino è il più motorizzato di tutta la Svizzera. Da alcuni decenni il traffico sulle nostre strade si è fatto problematico tanto che alcune tratte sono prossime al collasso.  Rispetto al 1990 circolano quotidianamente  105’000 veicoli in più. In alcune zone, come Mendrisiotto e Luganese l’aumento registrato raggiunge picchi preoccupanti tra il 70  e il  90 per cento. Al flusso giornaliero di automobili dei residenti si sono aggiunti anche i 63’000 frontalieri, che in 9 casi su 10 si sposta in automobile. Il tasso di occupazione dell’autoveicolo registrato in Ticino è inferiore alla media svizzera: in pratica  1 persona per automobile.

E’ innegabile che la scelta del mezzo di trasporto dipende fortemente dalla disponibilità di parcheggio. Due sondaggi lo hanno dimostrato. Nel 2005 il 61,5 % delle persone intervistate disponeva di un parcheggio gratuito presso il datore di lavoro. Nel 2014 , un sondaggio esperito presso i valichi doganali, ha evidenziato che la maggioranza dei frontalieri dispone di un posteggio gratuito presso il datore di lavoro.

Il traffico è aumentato in prossimità dei centri commerciali! Vedasi a Castione dove l’arrivo di grossi centri commerciali ha fatto aumentare il traffico in modo esponenziale.

Per diminuire il traffico è quindi necessario ridurre il numero di posteggi o disincentivarne l’uso.

Inquinamento. I valori della PM10 si attestano al di sopra del limite OIAt. Nel Mendrisiotto la situazione è allarmante. Anche i valori del diossido di azoto, che erano diminuiti con l’introduzione del catalizzatore, da alcuni anni sono stabili, ciò a motivo sia dell’aumento delle percorrenze che dell’aumento del traffico motorizzato. Anche per questo inquinante il Mendrisiotto presenta valori più levati rispetto al resto del Cantone. Anche per l’ozono i valori limiti sono superati per diverse volte all’anno. Non va meglio per l’inquinamento fonico che interessa 15’000 edifici e 50’000 persone, esposte a immissioni superiori ai valori limite d’immissione.

E’ ormai dimostrato che l’offerta di strade e posteggi condiziona il numero dei transiti su gomma. Ridurre i posteggi, anche tramite una tassa, non è l’unica soluzione ma è il primo tassello di una politica della mobilità sostenibile e coordinata, volta a disincentivare la mobilità individuale su gomma e a favorire una mobilità condivisa e collettiva. La misura  andrà alimentata anche con una politica di insediamento che dovrà ridimensionare i piani regolatori.

I Verdi sono d’accordo con l’introduzione di una tassa di collegamento – imposta vincolata al sostegno e al potenziamento del trasporto pubblico –  perché ritengono necessario e giusto coinvolgere i grandi attrattori di traffico nello sforzo coordinato di ridurre lo spreco di territorio, la spesa pubblica a carico di tutti i cittadini e il traffico motorizzato con le conseguenze che tutti conosciamo. La misura votata dal Gran Consiglio è necessaria per garantire e aumentare l’offerta del trasporto collettivo privato o pubblico a beneficio di tutti.

La tassa di collegamento è equa e giustificata. Non solo la tassa è scalare, a dipendenza del numero di posteggi, ma i proprietari dei fondi su cui insistono i posteggi potranno approfittare di uno sconto fino al 25% se proveranno di aver ridotto il numero di stalli a disposizione di clienti e dipendenti.

Per finire ricordo che il Gran Consiglio ha votato diversi crediti per la mobilità aziendale ma, malauguratamente, ha rifiutato di imporne l’obbligo alle aziende. L’ultimo credito votato è di due milioni. Sono soldi pubblici che vanno a favore i privati, da loro ci si aspetta una dimostrazione di responsabilità verso tutta la collettività.  La tassa di collegamento potrebbe essere un buon motivo per introdurre finalmente una mobilità aziendale: Tarchini l’ha già dimostrato.

MOZIONE “Alberi della vita – Un albero per ogni bambino”

10 Maggio 2016

alberiIl nostro Consigliere comunale Andrea Stephani ha preparato una lodevole Mozione dal titolo “Alberi della vita – Un albero per ogni bambino”. Si tratta di un’idea magnifica: piantare un albero per ogni bambino nao nel Comune! La mozione è sottoscritta da Cc dei Verdi (naturalmente!) di Insieme a Sinistra, di Lega/Udc/Indipendenti, del PPD, del PLR. Eccovi il preambolo. Tutto il documento lo trovate qua.

“Oggi – venerdì 22 aprile 2016 – in occasione della Giornata mondiale della Terra e in concomitanza con la cerimonia organizzata dall’ONU a New York per la firma dell’Accordo sul clima, è stata lanciata un’iniziativa volta a raggiungere entro il 2020 l’ambizioso obiettivo di piantare 7.8 miliardi di alberi, ovvero un esemplare per ogni abitante del pianeta. Infatti, oltre ad assorbire l’anidride carbonica, le piante ripuliscono l’aria dalle polveri sottili (specialmente il particolato fine inquinante – inferiore ai 2.5 micron o PM 2.5 – generato soprattutto dai sistemi di riscaldamento tradizionali e dal traffico veicolare)e dai gas nocivi, forniscono cibo ed energia ed ospitano l’80%circa delle specie animali terrestri. Se ciò non fosse abbastanza, le foreste riducono altresì i rischi di dissesto idrogeologico e contribuiscono a filtrare l’acqua piovana per l’approvvigionamento delle falde. Studi recenti hanno pure dimostrato che per assorbire l’anidride carbonica prodotta in media da una sola persona sarebbero necessari ben novantasei alberi. Meno piante significa una riduzione dell’assorbimento di anidride carbonica e, di conseguenza, un innalzamento delle temperature.

Già da diversi anni, alcune città in tutto il mondo hanno adottato degli accorgimenti legislativi per controbilanciare l’inarrestabile antropizzazione del territorio e per tentare di preservare l’equilibrio Uomo – Natura, indispensabile per la vita sul nostro pianeta, applicando una sorta di “compensazione ecologica”. Sono state ad esempio promosse iniziative per introdurre l’obbligo da parte delle autorità di piantare un albero per ogni nascita o nuova iscrizione all’anagrafe.”

Il documento completo lo trovate qua.

    Cerca nel sito
    Archivio