Modifichiamo il Centro di Pronto intervento in corso d’opera?

23 Luglio 2013

Prima di rispondere, sgombriamo la mente dai luoghi comuni, dalle risposte automatiche, da tutti i “non si può fare” in grado di bloccare qualsiasi buona idea. E’ vero: pochi mesi fa, nubi molto cupe sulle finanze comunali già ben visibili all’orizzonte, il Consiglio comunale ha votato (due Verdi contrari) un credito di venticinque milioni per la realizzazione del Centro di Pronto intervento e 780.000 franchi per la progettazione della muova fase. Ora, la decisione non è piaciuta a molti, compresi diversi che hanno votato il credito turandosi il naso, per vari motivi. In paese si dicono molte cose: il Centro è sovradimensionato, l’ultimo piano del tutto inutile, la palestra eccessiva, eccetera. Insomma: dei risparmi, e risparmi non di poca entità, si potrebbero fare. Si potrebbero fare, a patto di non farsi bloccare dai “non si può, il credito è ormai stato votato”. I ricorsi fioccano, e bloccano i lavori: nulla capita per caso nella vita, e forse sarebbe saggio fermarsi e rivedere decisioni prese improvvidamente, sull’onda del “siamo una Grande Città, dimostriamolo con una bella cementificazione faraonica!”.

Anche l’illustre architetto Mario Botta, sulle colonne della NZZ, ha riflettuto sull’eccessiva costruzione nelle nostre città, ad opera degli architetti ticinesi non tenuti a briglia dai politici, che da decenni non progettano parchi e viali alberati, ma soltanto costruzioni che mal si conciliano con il vivere bene di un paese. E che un progetto sia modificabile in corso d’opera l’abbiamo potuto vedere anche molto recentemente, nell’autosilo dietro il Municipio, che è ben diverso dal progetto originario (in eccesso, in questo caso, però!). Dunque, fermiamoci un istante, magari in occasione dei festeggiamenti della nostra Patria, e iniziamo in modo concreto e positivo quei risparmi necessari al buon vivere della nostra Mendrisio. Buon Primo d’agosto, in alto i cuori!

Sette sculture per celebrare l’aggregazione

16 Novembre 2010

Il Municipio di Mendrisio ha licenziato in settembre un messaggio che richiede al consiglio comunale un credito di 150.000 fr. per la realizzazione di sette statue da collocare nelle sedi di quartiere per celebrare l’aggregazione e la nascita della nuova città di Mendrisio. Nel testo, si afferma che “al cospetto dell’importanza e del significato di questa prima decisiva tappa aggregativa, il Municipio è del parere che si tratti di un investimento commisurato alla rilevanza del processo aggregativo realizzato, un segno minimo a significare il valore di questo avvenimento storico”.

I Verdi di Mendrisio, pur apprezzando l’arte e stimando i validi artisti presenti sul territorio comunale e regionale, sono perplessi. In un contesto democratico e basato sul buonsenso e sulla lungimiranza, appare decadente e auto celebrativo posare delle sculture che portano la mente al pensiero della hybris (l’arroganza che secondo i greci spingeva gli uomini a credersi potenti quanto gli dei), alla saggezza popolare del “chi si loda si imbroda” e, da ultimo, al nostro detto “vola bass e schiva i sass”!

I Verdi possono apprezzare la messa a dimora di un albero celebrativo, o una targhetta per ricordare persone meritevoli (com’è recentemente stato il caso della compianta Claudia Coduri), ma non si riconoscono in un investimento di questo tipo. Piuttosto, pensiamo alla qualità di vita di una città slow e lavoriamo per delle  panchine che facilitino la vita ai pedoni e in opere di valorizzazione dei bei quartieri che compongono la nostra città, destinata ad estendersi e a rafforzarsi nel prossimo futuro.

Un alieno in Consiglio Comunale

27 Luglio 2009

Da quando ho deciso di dare il mio contributo civile nelle fila dei Verdi la mia bambina più piccola, che compie ora sei anni, ha iniziato a chiamarmi alieno: “Sei anche tu un alieno?” mi ha chiesto una sera, e l’equazione verde=alieno mi ha fatta ridere di cuore, sentendola subito in qualche parte autentica. Vero è che mi fa ridere anche mio suocero quando mi dice “Ciao Incredibile Hulk” …ma sono altri i miei riferimenti!

Un po’ alieno mi piace sentirmi: mi fa pensare a certi esperimenti di sociologia in cui ci si immaginava di osservare la realtà di tutti i giorni attraverso gli occhi di un marziano. Essere nuovi di una realtà aiuta a vedere cose che chi vi è immerso da tempo fatica a scorgere, annebbiato dalla consuetudine. Avete presente? Come quando si torna a casa dopo un lungo periodo di assenza, o come quando si parla con una persona appena conosciuta con un’intimità diversa da quella abituale con i familiari.

Quando è sera di Consiglio comunale, la mia impressione è di prendere l’astronave e di atterrare sul mio banco, in centro e in fondo alla sala (ottima postazione per l’osservazione!). Fisicamente, siamo in due Verdi, ma ho la sensazione di essere sbarcati in tanti: sento attorno a me le persone che ci hanno votato, quelle che mi fermano per strada o che mi contattano per farmi delle domande, e mi sento meno sola.

L’alieno in me si è impegnato a comprendere: ha letto, ha studiato leggi e Messaggi, ha navigato nel cyberspazio, ha fermato chi gli capitava sotto tiro per porre domande e altre domande le è andate a fare. L’alieno ha capito che molto è ancora oscuro, ma che non è l’unico a non comprendere molte cose. La realtà muta in fretta e, ad esempio, neppure a Bellinzona hanno risposte definitive su dove i parrucchieri debbano gettare la carta stagnola che usano per fare le tinture. Ha capito che la realtà è complessa, e che servono linee guida per decifrarla (un corso di filosofia ad uso di municipali e consiglieri comunali sarebbe forse una buona proposta!). Soprattutto, l’alieno ha compreso che serve una visione d’insieme per governare una realtà, piccola o grande che sia. Sul suo pianeta, è abituato a decidere e ad agire seguendo principi e regole semplici, e ha capito che non sempre è semplice tener conto di principi diversi, di una pluralità di interessi in gioco e di modi di leggere la vita differenti. E ha capito che la pazienza è una dote che va sviluppata nel vivere civile, che i tempi sono lunghi anche per fare cose semplici come spedire un documento via mail piuttosto che su carta o per piantare qualche albero e che ci sono mille fattori da considerare.

L’alieno ha visto che in Consiglio comunale la realtà è estremamente ritualizzata, con regole non scritte che si assorbono per osmosi, ha incontrato una maggioranza di persone educate e gentili e, essendo di buon carattere, parte dal presupposto che ognuno faccia il proprio meglio, e ha visto persone che lavorano per il bene comune con molto senso del dovere sacrificando molto tempo libero con nessun tornaconto personale diretto-se non il piacere di sentirsi attivi e utili alla collettività per qualche anno di buona salute.

Durante l’ultima seduta di Consiglio comunale all’alieno è venuta una gran sete guardando per ore le bottigliette verdi di San Pellegrino, e alla pausa è andato in bagno a fare una cosa semplice e coerente con le sue idee: bersi una fresca sorsata di acqua del rubinetto!

    Cerca nel sito
    Archivio