Alberi che appassiscono in agosto?

11 Agosto 2016

Sopra Rancate, agosto 2016La colorazione bruna dei boschi del Generoso e San Giorgio mi preoccupava, mi sono informata e vi rassicuro: trattasi di Ostrya Carpinifolia, ai più conosciuto come carpino nero, albero molto diffuso nelle nostre zone. Il colore brunastro è dato dai frutti, detti acheni piccoli sacchetti , simili al luppolo, che contengono i semi. Quando i frutti raggiungono la maturazione diventano appunto marroncini. Niente da preoccuparsi, succede tutti gli anni. Quest’anno sono particolarmente carichi di frutti perciò un po’ più visibili. BUONI BAGNI IN PISCINA! 🙂

Risposta a Franco Celio

27 Agosto 2015

imagesMi ha fatta sorridere, tornata da un soggiorno in Svizzera interna, leggere la lettera di Franco Celio che scanzonatamente irride ai Verdi per la mancata riuscita dell’iniziativa contro la caccia, dimenticando che in un tempo non troppo lontano (correva il maggio 2013) sono stata promotrice insieme a lui di un’altra raccolta firme non riuscita: quella riguardante il referendum contro il voto generalizzato per corrispondenza. Come allora, penso che gli insuccessi nella vita, e in politica, insegnino almeno tanto quanto i successi; e che chi miete solo e soltanto successi personalmente suscita in me un sentimento di paura più che di ammirazione: mi vengono alla mente personaggi come Hitler, o altri nomi nostrani che evito di citare perché la loro popolarità è già troppa, e, a me pare, inversamente proporzionale alla loro saggezza. Insomma, caro Franco Celio: le sensibilità sono cambiate rispetto ai tempi dell’iniziativa per salvare i camosci del Monte Generoso (nel 2005). Inoltre, i cervi del San Giorgio vivono in una realtà molto differente: io stessa ho fatto fatica a raccogliere firme persino tra i parenti e gli amici più stretti…sono mutate le sensibilità dei Verdi e della popolazione ticinese verso agricoltori e viticoltori, e il messaggio del referendum, che andava nel senso della prevenzione e del lavoro sul lungo periodo, non è stato condiviso del tutto neppure all’interno del mio stesso partito. Bene: un referendum mancato insegna forse più di una raccolta firme troppo facile. Mai stato un problema, per noi, cadere nella polvere e poi rialzarci con dignità e fiducia. Attenzione a peccare di hybris, perché il suo partito fatto di sigle e slogan si assesterà anche in Ticino ai valori che gode nel resto della Svizzera, ma noi Verdi saremo sempre pronti a collaborare sia con il suo che con altri partiti (rossi, blu o di qualsiasi altro colore) su singoli temi che siano a difesa del territorio, dell’ambiente e dei cittadini.

Claudia Crivelli Barella, candidata al Consiglio Nazionale per i Verdi, 27 agosto 2015

    Cerca nel sito
    Archivio