Sì che si può… perdere un seggio

25 Aprile 2015

Claudia Gran ConsiglioOnore ai vincitori di ogni partito, e auguri per un buon lavoro parlamentare! I Verdi hanno perso un seggio, non facciamone un dramma: non abbiamo mai tradito noi stessi, portando avanti con onore le nostre tematiche, in un quadriennio di lavoro serio e coerente, occupandoci di ecologia spaziando per le tematiche che coinvolgono il lavoro del Gran Consiglio (incuriosite/i? Qui trovate il Rapporto attività Verdi legislatura 2011-2015), con rispetto tra di noi e verso le persone che ci avevano eletti.

Siamo stati talmente certi del nostro buon lavoro che non ci siamo preoccupati di fare campagna elettorale (almeno nel mio e in altri casi): naturalmente e a posteriori un errore, ma anche un atto di coerenza molto verde, e sicuramente di hybris, l’orgoglio di quando ci crediamo troppo vicini agli dei… ora non siedo più in parlamento, ma sorrido dentro di me, perché non ho mai tradito me stessa, e sono stata onesta, stabilendo buone relazioni con le persone con le quali ho collaborato in un quadriennio ricco e stimolante. A mio modo di vedere, queste sono ricchezze impagabili, che migliorano il nostro e l’altrui mondo: il successo esteriore ed elettorale arriva o non arriva, ma non è il dato più importante. Quando un partito vince, tutti saltano sul carro.

Quando si arretra, gli avvoltoi volteggiano sulle teste di chi lavora alacremente e senza scoraggiarsi: vi prego, siate donne e uomini, non definite la vostra vita cercando di distruggere chi cerca di operare per il bene del Ticino, senza lucro, senza altro scopo se non la salvaguardia del nostro territorio e del vivere salutare. Sosteniamo i nostri sei parlamentari eletti, con generosità e fiducia. Oggi quasi tutti si definiscono ambientalisti, ma i Verdi fanno del rispetto per la Terra e dell’essere umano un principio fondante.

La resilienza è la capacità di far fronte agli eventi traumatici, riorganizzando positivamente la propria esistenza dinanzi alle difficoltà, restando sensibili alle opportunità che la vita offre, senza perdere la propria umanità. Le persone resilienti affrontano i momenti di difficoltà e si rialzano: nessun politico ha vinto tutte le proprie battaglie, nessun essere umano non ha mai sbagliato, o avuto momenti difficili. Anzi: chi realizza qualcosa nella vita, in genere molto ha sofferto, e ha saputo far tesoro delle proprie sconfitte. Questa scoppola elettorale ha unito noi Verdi, e ci ha rafforzati: una lezione di umiltà, e uno stimolo a far meglio, a non farci assorbire dai lavori istituzionali a scapito della nostra specificità. Forza Verdi, il vostro sostegno in questa settimana difficile mi ha ridato fiducia, e coraggio: cadere tra la polvere ci fa bene, perché veniamo dalla terra, e da lì sappiamo ripartire, con rispetto, umiltà e forza.

Claudia

Grazie a tutte e tutti!

21 Aprile 2015

runa la brunaGrazie per la fiducia che mi avete dato per questa seconda legislatura di Gran Consiglio, purtroppo noi Verdi abbiamo perso un seggio e sono la prima subentrante. La politica e la vita è fatta anche da momenti di delusione e di sconforto, ma… domani è un altro giorno, e troveremo modi per aiutare il nostro amato Ticino. Forza Verdi, ora dobbiamo capire, smaltire la delusione e rialzarci!

Un abbraccio, Claudia

In foto: Runa-la bruna sul CdT!

Il silenzio saggio del Municipio

18 Aprile 2015

imagesE’ successo ancora: un socialista mi ha attaccata perché a suo dire non prendo posizione contro la Lega. L’aggressività umana assume varie forme, alcune più insidiose di altre, e crea deserti attorno. Fino a quando continueremo a puntare il dito su altre persone, invece di guardarci dentro, insegnando ai nostri giovani a fare altrettanto, la violenza si assommerà alla violenza, l’insulto alla volgarità, il degrado alla povertà.

La politica non è un campo di crescita personale, eppure un po’ lo potrebbe essere: l’umanità dovrebbe andare avanti, non tornare alla barbarie degli untori, della caccia alle streghe, della polarità buoni-cattivi. I partiti sono composti da persone, e noi persone siamo tutte un po’ giuste e un po’ sbagliate, erriamo e poi ritroviamo la giusta via, che è la nostra, diversa dall’altrui. A me e ai Verdi interessa portare avanti tematiche comuni di buon vivere e di rispetto per la Natura e l’essere umano, e lo facciamo in modo rispettoso, con molta riflessione personale e collettiva, sicuramente molti limiti ma coraggio e a volte, lasciatemelo dire, saggezza: alcuni nostri temi (il lavoro, il territorio, la scuola,…) diventano dopo qualche anno di lavoro temi attuali e condivisi, dopo qualche risatina di scherno al loro apparire. Ho detto apertamente e onestamente a Massimiliano Robbiani che ha sbagliato ad attaccare una candidata con termini irrispettosi, e lui ha ammesso lo sbaglio e mi ha riferito di essersi già scusato e aver chiarito con l’interessata. Ognuno potrebbe aprire una riflessione sui tempi e i modi che i social media inducono… Le gogne mediatiche le lascio ad altri, e francamente mi spiace vedere attaccate le persone con il pretesto del partito. Mi interessano le idee, il bene della collettività e il rispetto autentico tra le persone. Per questo, ho apprezzato le risposte del Sindaco all’ultimo Consiglio comunale: pacate, concilianti, nella direzione del perdono più che in quella degli squali che si esagitano appena sentono il profumo del sangue. Buona Pasqua, festa di rinascita, a tutti voi.

Claudia Crivelli Barella, 2 aprile 2015

“Il sale della terra e la speranza” di Tiziano Fontana

5 Aprile 2015

tiziano FontanaPubblico questa bella lettera di Tiziano Fontana apparsa sul Corriere del Ticino del 3 aprile. Grazie Tiziano!

In queste settimane nelle sale cinematografiche ticinesi è proiettato «Il sale della terra», un film che scuote l’anima nel profondo e invita ad agire: da non perdere. Esso tratta la vita e l’opera del più grande fotografo vivente, il brasiliano Sebastiao Salgado, testimone d’eccezione della condizione umana e della situazione in cui si trova il nostro pianeta.

Egli ha ritratto, per buona parte della sua attività professionale, gli esseri umani (il sale della terra, come li definisce il regista Wenders) o impegnati nelle loro attività quotidiane o coinvolti in migrazioni di massa, guerre, catastrofi ambientali. Le esperienze di orrore vissute tra gli anni Ottanta e Novanta hanno fatto perdere a Salgado quasi ogni speranza di salvezza per la specie umana, mossa da una follia che ha causato milioni di morti e che sta conducendo alla distruzione delle basi naturali che permettono la vita su questo, ancora in gran parte, meraviglioso pianeta.

Salgado ha ritrovato la speranza grazie, anche, a due lavori. Il primo è il progetto di ricerca fotografica «Genesi» (2004-2012), dedicato alla riscoperta del rapporto equilibrato esistente tra uomo e natura che caratterizza ancora oggi il modo di vivere di molti popoli indigeni. Il secondo è un’iniziativa intrapresa con sua moglie: la riforestazione di seicento ettari di terra di proprietà della sua famiglia, che avevano subito un collasso ecologico a causa di uno sfruttamento sconsiderato, oggi trasformati in parco pubblico protetto.

Se il reportage nell’Etiopia della carestia sfruttata dal dittatore comunista Menghistu per punire le popolazioni in rivolta o quello sul genocidio in Ruanda sono molto duri, le fotografie del progetto «Genesi» o le immagini della trasformazione da terra arida in via di desertificazione a foresta pluviale rinata sono invece un richiamo alla capacità dell’uomo di amare se stesso e tutto ciò che lo circonda, in un rapporto di empatia che è alla base dell’ecologia.

Cambiare rotta e ritrovare un modo di vita rispettoso del pianeta che ci ospita oggi è una necessità, tanto nella nostra vita quotidiana quanto in politica. Solo chi ha l’ecologia come bussola d’orientamento può costruire un futuro migliore per tutti.

I rappresentanti dei Verdi in questi anni hanno lavorato a ogni livello istituzionale (Gran Consiglio, Municipi e Consigli comunali) con grande impegno e serietà, proponendo soluzioni realizzabili che tutelano uomini e ambiente. I Verdi – partito e candidati – meritano di essere sostenuti sia per il Consiglio di Stato sia per il Gran Consiglio.

Tiziano Fontana, Consigliere comunale indipendente per il Verdi di Mendrisio

 

Il silenzio saggio del Municipio

2 Aprile 2015

imagesE’ successo ancora: un socialista mi ha attaccata perché a suo dire non prendo posizione contro la Lega. L’aggressività umana assume varie forme, alcune più insidiose di altre, e crea deserti attorno. Fino a quando continueremo a puntare il dito su altre persone, invece di guardarci dentro, insegnando ai nostri giovani a fare altrettanto, la violenza si assommerà alla violenza, l’insulto alla volgarità, il degrado alla povertà. La politica non è un campo di crescita personale, eppure un po’ lo potrebbe essere: l’umanità dovrebbe andare avanti, non tornare alla barbarie degli untori, della caccia alle streghe, della polarità buoni-cattivi. I partiti sono composti da persone, e noi persone siamo tutte un po’ giuste e un po’ sbagliate, erriamo e poi ritroviamo la giusta via, che è la nostra, diversa dall’altrui. A me e ai Verdi interessa portare avanti tematiche comuni di buon vivere e di rispetto per la Natura e l’essere umano, e lo facciamo in modo rispettoso, con molta riflessione personale e collettiva, sicuramente molti limiti ma coraggio e a volte, lasciatemelo dire, saggezza: alcuni nostri temi (il lavoro, il territorio, la scuola,…) diventano dopo qualche anno di lavoro temi attuali e condivisi, dopo qualche risatina di scherno al loro apparire. Ho detto apertamente e onestamente a Massimiliano Robbiani che ha sbagliato ad attaccare una candidata con termini irrispettosi, e lui ha ammesso lo sbaglio e mi ha riferito di essersi già scusato e aver chiarito con l’interessata. Ognuno potrebbe aprire una riflessione sui tempi e i modi che i social media inducono… Le gogne mediatiche le lascio ad altri, e francamente mi spiace vedere attaccate le persone con il pretesto del partito. Mi interessano le idee, il bene della collettività e il rispetto autentico tra le persone. Per questo, ho apprezzato le risposte del Sindaco all’ultimo Consiglio comunale: pacate, concilianti, nella direzione del perdono più che in quella degli squali che si esagitano appena sentono il profumo del sangue. Buona Pasqua, festa di rinascita, a tutti voi.

Claudia

    Cerca nel sito
    Archivio