Destra e sinistra

16 Marzo 2016

downloadSpesso mi chiedono: ma i Verdi sono di destra o di sinistra? Né l’uno né l’altro, rispondo.

Destra e sinistra, storicamente, sono unite dalla valutazione positiva della crescita economica, che reputano un progresso. Divergono poi su come utilizzarne i profitti: per premiare i padroni (destra), per diminuire le ineguaglianze sociali (sinistra).

I Verdi si distanziano da questa logica e difendono una nuova visione del vivere comune in cui il vocabolo “crescita” non è contemplato. Il nostro fine è il VIVERE MEGLIO: per raggiungerlo occorre avviare una decrescita selettiva della produzione e dei servizi sviluppando innovazioni tecnologiche che accrescano l’efficienza nell’uso delle risorse (terreni, aria, tempo) e attenuino l’impatto ambientale. Occorre perseguire l’autosufficienza alimentare ed energetica, estendere l’equità alle generazioni future e a tutti gli esseri viventi, ridurre l’importanza del denaro, riscoprire i beni comuni e le forme di scambio basate sul dono e la reciprocità, superare il materialismo e valorizzare la spiritualità.

Questo è il vivere meglio che offriamo al pianeta, alle generazioni future.

    Cerca nel sito
    Archivio