Intervento sui consuntivi 2018 del Comune di Mendrisio

3 Luglio 2019

L’intervento di Claudia Crivelli Barella sui Consuntivi 2018 del Comune di Mendrisio durante il Consiglio comunale del 1 luglio. Qui i documenti ufficiali.

Nel parlare di consuntivi, il rischio di disperdersi in molti dettagli è forte: i temi sono tanti, e tutti variamente importanti. Ma ce n’è uno che merita di focalizzare la nostra attenzione, come diversi gremi politici iniziano finalmente a fare, ad esempio il Cantone di Ginevra che ha dichiarato lo stato di emergenza climatica. In sede di discussione sui consuntivi, ho ascoltato molte riflessioni, quasi tutte interessanti, ma a volte del tutto fuorvianti: c’è chi si dice preoccupato per un paventato aumento del moltiplicatore, come se questo costituisse un problema. Chi vuole andarsene da Mendrisio, persone o aziende, lo fa indipendentemente dal moltiplicatore, e la prima causa delle partenze delle persone fisiche è costituita dalle peggiorate condizioni della qualità dell’aria, del traffico e dell’inquinamento. Periodo caldo, emergenza ozono. Periodo di piogge, traffico più intenso. Periodo invernale, polveri fini alle stelle. Aumentano le patologie respiratorie e le difficoltà a poter svolgere le attività all’aria aperta, e le persone si trasferiscono in alto Ticino o altrove. Non tutti possono, non tutti vogliono, ma ciò non toglie che non possiamo continuamente dire che il problema non è grave, che non dipende da noi, che ci sono scelte più in alto, che la configurazione del territorio ci gioca a sfavore. Mendrisio deve occuparsi dell’emergenza climatica con un vigore rinnovato, ed inserire una clausola d’urgenza che imponga le preoccupazioni inerenti la tutela dell’ambiente prima di qualsiasi altra considerazione. Se per questo dovremo alzare il moltiplicatore, alziamolo senza paura. Se per questo dovremo rinunciare a qualche agio, facciamolo. Ad esempio, potremmo convivere con un po’ di foglie sul suolo o senza trasformare la Città in un rotolo di asfalto nero poche ore dopo una nevicata: un po’ di neve sulle strade non è un dramma, come non lo sono le persone che inevitabilmente reclameranno: possiamo spiegare loro che ogni attività ha dei costi energetici, e che un buon paio di stivali permette di camminare sulla neve senza difficoltà, e anzi con piacere. E se qualcuno reclama per le erbe alte o le foglie sul terreno, compenseremo i molti che ora si lamentano per il fracasso dei decespugliatori e dei soffiatori, in più risparmiando tempo ed energie.

Vi è la questione dei riversamenti finanziari al Cantone: in tal senso, vorremmo ricordare che le nostre “sorelle maggiori” Bellinzona e Berna non sono da intendere come delle nemiche che fungono quasi come delle sanguisughe, bensì rappresentano delle valide alleate sulle quali possiamo contare per numerosi progetti. Ciò detto, le mutate condizioni di salute finanziaria del Cantone ci hanno portati a sostenere l’Iniziativa dei Comuni, che appoggeremo nelle adeguate sedi.

Mancano alberi a Mendrisio centro, i migliori alleati contro il surriscaldamento climatico, e mancano panchine per sedersi un po’ ovunque, e fontane funzionanti che diano refrigerio nei periodi di calura. In generale, troppo spazio prioritario è dato alle automobili a discapito dei pedoni: ricordiamo che le automobili sono un male necessario che andrebbe penalizzato invece che incentivato. I costi dell’inquinamento li paghiamo poi tutti in termine di salute e di qualità di vita. In passato, purtroppo a Mendrisio sono state fatte scelte a favore dell’economia che hanno portato ad una Città impoverita dal punto di vista ambientale ed umano, e speriamo che una nuova sensibilità possa correggere le scelte del recente passato.

Auspichiamo cautela nella posa di nuove antenne, sarebbe rassicurante che Mendrisio si smarcasse dalla corsa troppo entusiastica verso il 5G e che rivendicasse il suo ruolo di Città slow, come quello di Città dell’energia.

Ci complimentiamo per la Filanda, luogo di sperimentazione del vivere civile, e per l’attenzione verso i tanti piccoli ambiti che compongono la Città come piazza del ponte (che ancora aspetta una sistemazione stabile, allo stato attuale è inguardabile e invivibile, un aborto di piazza…ma manteniamo un cauto ottimismo per il futuro): vivere a Mendrisio è un buon vivere, a fermarsi e a goderne i benefici. Serve coraggio in tutti per non rinnegare le nostre origini di paese contadino e non soccombere ad uno stile di vita troppo cittadino che renda Mendrisio uguale ad ogni altra Città, annullandone le differenze.

Concludo dicendo che il gruppo dei Verdi, esclusi gli indipendenti, voterà i consuntivi di quest’anno, e che al termine della presente seduta di consiglio comunale consegnerà una mozione sul bilancio ambientale e sociale chiedendo che già con il prossimo consuntivo venga allestito un rapporto sull’impatto ambientale di ogni voce presente.


2 Commenti a “Intervento sui consuntivi 2018 del Comune di Mendrisio”

  1. Ruth , 4 Luglio 2019, 9:43

    ottimo!!

  2. simonetta , 4 Luglio 2019, 20:17

    L’infinito che si vede sulla Piazza del Ponte dalla panchina rossa, non assomiglia per nulla a quello di Leopardi..

Comments are closed.

    Cerca nel sito
    Archivio